Si informa che questo sito utilizza cookie anche di profilazione (di terze parti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere e se si vuole negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Continuando con la navigazione si acconsente all' utilizzo dei cookie. X

Info Utili

Il "Codice del Turismo" entrato in vigore il 21 giugno 2011 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno 2011 regolamenta la vendita e l'utilizzo di pacchetti turistici e di viaggio. Questi alcuni dei contenuti:

Viene rielaborato il concetto di impresa turistica, per includervi, oltre alle agenzie di viaggio e i tour operator, tutte quelle imprese che esercitano attività economiche volte alla produzione e commercializzazione di prodotti e servizi volti a soddisfare le esigenze del turista.
L’apertura delle strutture ricettive sarà resa più semplice, per garantire maggiori opportunità agli imprenditori del settore alberghiero. In particolare, per l’apertura o la modifica dell’attività basterà una semplice comunicazione (Segnalazione certificata di inizio attività, o s.c.i.a.) ad un unico interlocutore (sportello unico).
Le agenzie operanti online saranno sottoposte  alle medesime regole e controlli  cui sono soggette le imprese di tipo tradizionale. Anche per le agenzie di viaggio è previsto lo strumento della s.c.i.a.
Il Codice tutela il turista come consumatore di tipo speciale, un consumatore non attrezzato a risolvere i problemi che si pongono durante la vacanza in un luogo. In questa prospettiva, il nuovo testo prevde il risarcimento per danno morale, da vacanza rovinata e valorizza il cosiddetto “turismo per motivazione”, tiene conto cioè, nella valutazione del danno, delle specifiche esigenze ricreative che il viaggio mira a soddisfare e che un eventuale inadempimento può frustrare (esigenzenze che devono essere espressamente indicate al momento della prenotazione, ndr). 
E' espressamente prevista l'esclusione del diritto di recesso per i pacchetti turistici negoziati fuori dai locali commerciali che determina l'inapplicabilità degli articoli 64,65,66,67 del d. lgs. 6/09/2005 n. 206 (esercizio del diritto di recesso, ndr). 
Ogni mancanza nell'esecuzione del contratto deve essere contestata dal turista, mediante tempestiva presentazione di reclamo affinché l'organizzatore,il suo rappresentante locale o l'accompagnatore vi pongano tempestivamente rimedio. (...) La mancata presentazione del reclamo può essere valutata ai fini dell'articolo 1227 del c.c. (Il risarcimento non è dovuto per i danni che il creditore avrebbe potuto evitare usando l'ordinaria diligenza, ndr).

Sito del Ministero degli Affari Esteri: www.viaggiaresicuri.it/ *

Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito: DoveSiamoNelMondo (www.dovesiamonelmondo.it *)

Sito del monitoraggio internazionale Uragani: www.nhc.noaa.gov *


SCHEDA TECNICA (PDF)
INFO GENERALI (PDF)
ASSICURAZIONE (PDF)
REGOLAMENTO(PDF)

Norme per il rilascio del passaporto ai minori *
NB: è obbligatorio il documento di viaggio individuale del minore (passaporto, carta d’identità valida per l’espatrio o documento di viaggio equipollente). Il passaporto del genitore attestante l’iscrizione del minore, resta valido fino alla scadenza solo ed esclusivamente per il genitore. Non verranno accettati coloro che dovessero presentarsi senza i requisiti di cui sopra.


* si declina ogni responsabilità per le informazioni contenute in link esterni al sito Condor.it, tali collegamenti sono stati inseriti esclusivamente a titolo d'informazione aggiuntiva ma non costituiscono corpo del contratto di viaggio.  Torna su